LeftRight

Category : Laboratorio


L’Ufficio del Massimario della Commissione Tributaria Regionale per la Lombardia cura e organizza semestralmente le massime delle pronunce di merito più rilevanti rese dagli organi della giustizia tributaria lombardi.

La versione multimediale full del massimario si dimostra particolarmente utile per i professionisti del settore. Permette infatti, una volta individuata la massima di interesse, di poter visualizzare il testo integrale della sentenza collegata.


L’Ufficio del Massimario della Commissione Tributaria Regionale per la Lombardia cura e organizza semestralmente le massime delle pronunce di merito più rilevanti rese dagli organi della giustizia tributaria lombardi.

La versione multimediale full del massimario si dimostra particolarmente utile per i professionisti del settore. Permette infatti, una volta individuata la massima di interesse, di poter visualizzare il testo integrale della sentenza collegata.


L’Ufficio del Massimario della Commissione Tributaria Regionale per la Lombardia cura e organizza semestralmente le massime delle pronunce di merito più rilevanti rese dagli organi della giustizia tributaria lombardi.

La versione multimediale full del massimario si dimostra particolarmente utile per i professionisti del settore. Permette infatti, una volta individuata la massima di interesse, di poter visualizzare il testo integrale della sentenza collegata.


L’Ufficio del Massimario della Commissione Tributaria Regionale per la Lombardia cura e organizza semestralmente le massime delle pronunce di merito più rilevanti rese dagli organi della giustizia tributaria lombardi.

La versione multimediale full del massimario si dimostra particolarmente utile per i professionisti del settore. Permette infatti, una volta individuata la massima di interesse, di poter visualizzare il testo integrale della sentenza collegata.


Difensori: avv. Stufanoavv. Gigantino

Il Tribunale di Milano, Sez. I Penale, si è recentemente pronunciato in merito all’omesso versamento di ritenute certificate, analizzando gli elementi costitutivi di questo reato. Nello specifico, la pronuncia in esame stabilisce che non può essere affermata la responsabilità penale dell’imputato in ordine al reato di cui all’art. 10 bis D.Lgs. 74/2000 se non viene fornita dall’accusa la prova, non solo dell’effettuazione della ritenuta, ma anche dell’emissione ai sostituiti di imposta delle certificazioni. Il solo modello 770, infatti, non è sufficiente a comprovare il rilascio di dette certificazioni.


Esterovestizione nel settore bancario: sentenza della Commissione tributaria di Modena.

Ricorrente EMRO Finance (gruppo Banca Popolare dell’Emilia Romagna) difesa dagli avvocati Stufano e Gigantino;

resistente Agenzia delle entrate

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze. .Navigando sul nostro sito acconsenti all\\\'uso dei cookie. Puoi prendere visione dell’informativa estesa sull\\\'uso dei cookie cliccando QUI. | Chiudi