May
07

2015

APPLICAZIONE DEL RADDOPPIO DEI TERMINI DI ACCERTAMENTO PER EFFETTO DELLA DENUNCIA PENALE



La Ctr di Venezia si è espressa in merito all’applicazione del raddoppio dei termini di accertamento per effetto della denuncia penale, stabilendo che detta norma non trova applicazione nei confronti dei Soci. I giudici di secondo grado hanno infatti ritenuto che la responsabilità penale è personale e, pertanto, dal reato imputabile alla Società ed al suo legale rappresentante non può discendere un obbligo di denuncia penale nei confronti dei soci che comporti il raddoppio dei termini per gli avvisi di accertamento emessi nei confronti di questi ultimi

View Fullscreen